News

Street food wedding? Ecco i cinque consigli di Eatinero.it

Qualche dritta per organizzare un matrimonio con food truck (quasi) perfetto

Matrimonio con food truck. Se hai scelto questa formula sei probabilmente una persona che ama uscire dagli schemi, che non ha paura delle sfide e non teme certo una piccola sbavatura rispetto al protocollo. Ma è altrettanto probabile che stai facendo qualcosa di nuovo a cui non hai mai assistito prima e che, diciamola tutta, ricevere qualche dritta tanto schifo non ti fa. Ecco allora cinque preziosi consigli che potrebbero venirti utili per uno street food wedding perfetto. Anzi no, perfetto non ci piace… ma ci siamo capiti.

1 - Scegli la location giusta

Prima cosa la location. È nell’ordine di priorità di qualsiasi matrimonio, spesso viene prima della data ed è seconda solo alla scelta del partner (di norma). Ma come deve essere una location per un matrimonio street food? Non deve avere nulla di eccezionale, bisogna solo considerare qualche piccolo accorgimento. L’ingresso deve essere abbastanza largo per far entrare i food truck così come deve esserlo la strada che porta all’area in cui saranno posizionati. Quest’ultima deve avere un’ampiezza adeguata e non presentare pendenze eccessive. Occorre, infine, che ci siano i necessari allacci alla corrente elettrica. E in caso di pioggia? I food truck non si spaventano di fronte a nulla ma, come per qualsiasi matrimonio all’aria aperta, occorre pensare a un piano B per gli ospiti: in mancanza di portici, saranno sufficienti dei gazebo o piccole tensostrutture da noleggiare e montare di fronte ai mezzi.

2 – Quanti food truck? A volte less is more

Spesso chi pensa a un matrimonio con food truck immagina un piccolo festival dello street food con gli ospiti liberi di avvicinarsi e ordinare il piatto preferito. È sicuramente lo scenario più affascinante ma anche il più oneroso e complesso da organizzare. Fai i conti con le tue capacità organizzative e, soprattutto, con il budget a disposizione prima di pianificarlo e ricorda: esistono food truck in grado di occuparsi dell’interno menu, dall’antipasto al dolce, beverage compreso. Ingaggiarne uno per le portate principali e un altro o due per creare corner dedicati a singoli prodotti (antipasti, beverage, dolci/gelati…) o specialità street food (hamburger, frittini, tipicità regionali…) spesso è un’ottima soluzione intermedia.

3 – Quali food truck? Confronta i menu, stabilisci le tue priorità

Hai mai sentito parlare di paradosso della scelta? Avere troppe opzioni spesso è controproducente, ci manda nel pallone e aumenta le difficoltà anziché semplificare le cose. Così cercando i food truck su Eatinero.it, specie se sei vicino a grandi capoluoghi di provincia, rischi di trovarti di fronte a una scelta fin troppo ampia. Per non fare la fine dell’asino di Buridano, concentrati sui menu e pensa a quello che ti piacerebbe offrire ai tuoi ospiti: un menu classico o specialità street food? Tipicità regionali o cucina etnica? Che ne dici di un wedding barbecue? E ricorda: l’algoritmo del sito è studiato per far comparire in cima alla lista i food truck più vicini alla tua location; privilegiare quelli che appaiono più in alto ti permetterà di risparmiare sul budget.

4 – Quante porzioni? Chiedi allo chef

Se ho 100 inviatati e decido di coinvolgere 5 food truck, dovrò chiedere 100 piatti a testa? Non saranno troppi? E se invece qualcuno vuole fare il bis? Una delle difficoltà maggiori che si incontra coinvolgendo più food truck è il calcolo delle porzioni. Se da una parte c’è il rischio di sprecare soldi e cibo dall’altra l’incubo di non soddisfare gli appetiti degli invitati. La risposta alle vostre domande potranno darla solo gli chef: spiegagli quanti e quali altri food truck saranno presenti al ricevimento; grazie all’esperienza accumulata in eventi precedenti e alla conoscenza delle loro porzioni, sapranno indicarti la stima corretta e calibrare il peso dei propri piatti in base alla situazione.

5 – Non trascurare allestimento e servizio

Il bello del matrimonio con food truck è che puoi ridurre davvero al minimo il servizio: le persone sono libere di muoversi e servirsi direttamente, non hanno bisogno camerieri ed è possibile rinunciare a tovagliato, piatti e posateria ma… anche no. Lo street food wedding non è per nulla incompatibile con allestimenti da cerimonia e alcuni servizi potranno venirti molto utili ed essere apprezzati dai tuoi ospiti. Qualche esempio? Una figura di riferimento che supervisioni il servizio e intervenga in caso di necessità; personale addetto allo sbarazzo dei tavoli o che possa fornire assistenza agli ospiti più anziani; un designer che si occupi degli aspetti scenografici, valorizzando la presenza dei food truck. Non scartare a propri l’idea di affidarti a una brava (o bravo) wedding planner.

Ti sono stati utili questi consigli? Se hai bisogno di altre dritte non esitare a scrivere a catering@eatinero it; se ti senti invece pronto per la ricerca dei food truck e impaziente di ricevere qualche proposta di menu, cerca e contatta i food truck della tua zona inserendo luogo e data del ricevimento su Eatinero.it.

Il nostro staff è a tua disposizione

per qualsiasi domanda o richiesta di informazioni