Il Torello e gli Hamburger di vera carne Chianina

Se si parla di street food a Firenze, non si può non parlare del Torello, il truck food che fa hamburger di vera carne Chianina e che per tutta l’estate, è stato sul lungarno Colombo.

torello

Adesso è venuto il momento di scoprire il segreto del suo successo ed il perché di questa scelta!

Abbiamo contattato il responsabile della faccenda chiedendogli un’intervista e, una mattina di Novembre ci siamo incontrati.

La storia della Tenuta La Fratta in cui viene prodotta la carne chianina degli hamburger e bricioline fritte (si avete capito bene: loro sono i produttori della carne che poi vendono) è antichissima!

I primi edifici della  Fratta, Tenuta storica della Val di Chiana, risalgono al XII secolo ed il primo atto ufficiale certificato si data addirittura al 1208.
Cresciuta e sviluppatasi nei secoli, la Tenuta la Fratta nel 1934 ottenne con Regio decreto, il titolo di nucleo di selezione e l’iscrizione al libro genealogico della razza Chianina.

Principio ispiratore dell’offerta della Fratta è attualmente il mantenimento di quelle tradizioni, che si sono sviluppate nei secoli e che hanno saputo trasmetterci la cultura del vivere e del mangiare toscano. Tipicitàautenticitàscelta di ingredienti di alta qualità sono i valori giunti fino ad oggi da questo illustre passato.
All’interno della tenuta nasce ne 2011 il ristorante La Toraia, un centro di degustazione di carne chianina in zona di origine, la cui filosofia si basa nell’offrire la carne dei propri allevamenti alimentati esclusivamente con foraggi certificati Bio.
Gli altri prodotti che propongono sono sempre di filiera corta, coltivati nei loro campi o comunque acquistati localmente secondo rigorosi criteri di qualità ed autenticità.

Da questa valle incantata alle pendici delle colline senesi nascono tutte le idee di Enrico Lagorio,  sviluppate assieme alla moglie e realizzate da Massimiliano Brogi, con la supervisione della Marchesa Giuliana Galeotti Ottieri della Ciaja.

Di fronte al ristorante la Toraia nasce nello stesso anno la macelleria, che rifornisce i clienti locali e stranieri ed i propri ristoranti.

Dopodiché sono stati creati i truck food chiamati Torelli e, ultimo nato, il Toro: postazione fissa al primo piano del Mercato Centrale di Firenze dove potete andare tutti i giorni dal lunedì alla domenica, non stop.

Ed è qui la magia che il sig. Lagorio ed i suoi collaboratori hanno creato: trovare la risposta ad un bisogno.

Negli ultimi anni le macellerie hanno soddisfatto maggiormente la richiesta di bistecca di Chianina, che corrisponde al quarto posteriore dell’animale.

Il quarto anteriore della vacca, considerato “meno nobile” rispetto alla bistecca,  in passato veniva usato nella preparazione di bolliti, brasati, spezzatini. Tutte ricette che richiedevano lunghe preparazioni e cotture.

La donna moderna lavora. E’ una donna emancipata ed indipendente e spesso non ha il tempo di passare ore ed ore ai fornelli. Così, per non gettare via una parte preziosissima dell’animale e rispondere a questa esigenza di praticità culinaria, è nata l’idea di produrre degli Hamburger di Carne Chianina Certificata.

E’ importante sottolineare la parola Certificata. Perché è segno distintivo di qualità.

Da qui, perché no: organizzare dei camioncini che portino questa qualità in giro per l’Italia!

Per il momento i Torelli sono solamente due, a breve saranno quattro.

E’ da sottolineare come il marchio La Toraia si differenzi dalla maggioranza degli altri street food trucks in quanto si posizionano come venditori con licenza agricola. Il Torello sul lungarno Colombo è stato il primo truck food in Italia con licenza agricola a distribuire cibo. Loro vendono beni prodotti direttamente da loro stessi oppure da altri, ma che rispettino l’idea di tipicità, territorialità, genuinità.

Le vacche (non mucche-!!!-, come mi è stato fatto notare in sede di intervista) utilizzate per la produzione di carne sono selezionate, spesso dirette discendenti di alcuni esemplari campioni, e vengono nutrite con i migliori foraggi utilizzati in commercio.

Le birre vendute nei loro camioncini sono realizzate con orzo prodotto nei campi della  Tenuta La Fratta. Questo significa che le birre con marchio La Toraia sono agricole, non artigianali, grazie appunto alla produzione di orzo poi maltificato in altra sede e portato in un birrificio locale che lo trasforma in birra chiara, rossa e scura per soddisfare le richieste dei clienti.

Anche il pane, che accompagna hamburger, braciolina fritta e hot dog ha una parte di farina prodotta in Tenuta, in un secondo momento viene consegnata ad un forno artigianale che produce i panini.

Insomma…una vera delizia tutta toscana!

Ed è con questo ciclo di produzione che si realizza la missione di Enrico Lagorio & Co.: portare i sapori dell’agricoltura nelle città o nei posti di affluenza del popolo.

Il Torello è il mezzo che porta la campagna in città

Ad un prezzo anche abbastanza contenuto: il costo di un singolo hamburger/ braciolina/hot dog va dai 6 agli 8 euro, mentre quello di una birra dai 4 ai 6 euro.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

I prossimi appuntamenti dei nostri Torelli saranno al Motor Show di Bologna, a Pisa durante la presentazione della nuova Mini Minor etc…ma da sottolineare sarà la loro presenza all’EXPO 2015!

È chiaro che l’Azienda è disponibile a presenziare feste private, matrimoni, sagre ed altre manifestazioni di minore – ma per questo non peggiore- entità, sempre e comunque all’insegna del Cibo di Strada Italiano di Qualità.

www.tenutalafratta.it

www.latoraia.com

 

Francesca Caligaris

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi